sabato, settembre 20, 2008

Note di Fine Estate ad Oleggio Castello



Questa sera è in programma ad Oleggio Castello un'iniziativa voluta dall'Assessorato alla Cultura del Comune dedicata ai più giovani ed intitolata Note di fine Estate.
Si parte alle ore 17, di fronte alla sala polivalente dove sarà realizzato un laboratorio musicale per i più piccoli. Alle ore 21 andrà in scena il musical "La Piccola bottega” ad opera della compagnia teatrale MusicalBox e a seguire il concerto live del “Trio de Janeiro”.
Ospite speciale della serata sarà Francesco Spiriti che presenterà il suo ultimo singolo “Sapore di te”.
Da anni il Comune di Oleggio Castello partecipa al progetto “Piccoli ambasciatori di pace”, promosso dall’ AIB (Anti Incendi Boschivi) di Invorio, ospitando bambini dai 6 ai 12 anni provenienti dal Saharawi. La serata si propone di far conoscere le problematiche di questa sfortunata terra africana.
La popolazione Saharawi costituisce uno “stato in esilio” che vive nelle tendopoli del deserto dell’Hammada (Algeria). Si tratta di ben 150 mila le persone che vivono da rifugiati, di cui il 70% è costituito da bambini sotto i 16 anni. Nel 1965 l’Assemblea generale dell’Onu ne riconobbe il diritto all’autodeterminazione, nel 1975 invece il territorio venne spartito tra Marocco e Mauritania.
Oltre alla sensibilizzazione su questa causa anche il ricavato della giornata andrà in favore del Saharawi.
Nel seguito qualche nota biografica sugli artisti che si esibiranno.

La Compagnia Teatrale “Musical Box” nasce il 15 settembre 2006 per volontà di Matteo Riva e con sede presso l’Oratorio Parrocchiale di Borgomanero. Da allora i Musical Box portano sul nostro territorio spettacoli e rappresentazioni musicali, il tutto supportato da un laboratorio di canto, danza e recitazione. A distanza di un anno e mezzo la Compagnia vede al suo interno più di 40 elementi tra attori, cantanti, ballerini, musicisti, tecnici, costumisti e scenografi che operano volontariamente e a titolo gratuito

Il Trio De Janeiro nasce dalla voglia e dall'esigenza di proporre un repertorio ricercato, sfruttando al meglio le potenzialità acustiche di tre strumenti (chitarra, basso, batteria) senza avvalersi di distorsioni ed effetti di alcun genere. Ciò non impedisce al Trio di eseguire tutti i brani dando loro un sound decisamente d'impatto, spaziando tra più generi musicali. L'utilizzo che viene fatto delle voci mira a sostituire quelle che, nell'arrangiamento originale del brano, sono invece parti eseguite da sezioni di fiati, archi o tastiere in genere. Il Trio De Janeiro è composto da Andrea Fabiano, Lorenzo Poletti e Stefano Cerutti

Dopo gli studi di chitarra, clarinetto e pianoforte, Francesco Spiriti intuisce che la sua vera passione è il canto. Fortemente incoraggiato dalla famiglia inizia a partecipare a diversi concorsi canori ricevendo critiche fortemente favorevoli. Prosegue perciò gli studi di "canto moderno" con il maestro Paul Rosette (corista dei New Trolls, Mina, Celentano...), e grazie alle sue doti artistiche diventa corista dei "Sottotono". Con loro registra l'ultimo album "In teoria" con lo pseudonimo di Cesco, li segue in diversi tour, fino ad approdare, nel 2001 all'età di 17 anni, al "Festival di Sanremo" con il brano "Mezze verità". Rimane con loro fino alla separazione del gruppo, attualmente collabora con vari studi di registrazione a Milano e a Varese, in qualità di corista oltre a cantare nei BeFolk. Nel 2008 Francesco registra un singolo intitolato "Il sapore di te", scritto dal noto autore-produttore Massimo Luca e prodotto da "Top records".

3 commenti:

Anonimo ha detto...

Diritti dell'uomo

A proposito dei diritti dell'uomo calpestati nei campi di Tindouf in sud Algeria, ecco un ennesimo appello lanciato da chi hanno subito le grave violazioni dei dritti dell'essere umano, un grido di una donna che ha subito tanto a Tindouf e deportata a Cuba con gli altri bambini saharawi, allontanata dalla sua famiglia per ben 16 anni, questo appello è stato lanciato al Consiglio dei Diritti dell'Uomo in questi giorni da Ginevra:
In presenza del sig. Sidati El Ghallaoui, ex Ambasciatore del Polisario in Italia, Saadani Maoulainine chiede al Consiglio dei Diritti dell’Uomo CDU di proteggere le popolazioni dei campi di Tindouf
“La sig.ra Saadani Maoulainine chiede al Consiglio dei Diritti dell’Uomo CDU di proteggere le popolazioni dei campi di Tindouf.
Ginevra, 16 settembre (MAP) - la signora Saadani Maoulainine, vittima di deportazione forzata, ha chiamato martedì a Ginevra, il Consiglio dei diritti dell'uomo (CDU) a proteggere popolazioni dei campi di Tindouf, che sono private dei diritti dell'uomo più elementari e che vivono in condizioni inumane. "Chiamo il Consiglio ad esigere che si rispettano gli obblighi in materia dei diritti dell' uomo nei campi di Tindouf e che siano adottate misure a questo scopo affinché queste popolazioni siano infine protette, perché sia messa fine al calvario che sopportano da decenni e perché le nuove generazioni non soffrono per ciò come ho subito e come hanno subito migliaia di saharawi", ha indicato la sig.ra Saadani Maoulainine, indirizzando al Consiglio, che tiene la sua nona sessione al Palazzo delle Nazioni. Tali misure, dice, permetterebbero anche all’insieme di famiglie saharawi di ritornare alla madre patria, il Marocco, per trovare i loro parenti nel quadro di una soluzione che garantisce i loro diritti politici, economici e sociali. Ha anche insistito affinché queste popolazioni possano beneficiare dell'autonomia proposta dal Marocco, per vivere la riconciliazione e la pace così tanto desiderate da queste popolazioni, che hanno tanto subito.
La Sig.ra Saadani Maoulainine ha presentato dinanzi ai membri del Consiglio una tabella scura della situazione dei diritti dell'uomo nei campi di Tindouf in cui saharawi e le loro famiglie, continuano a sopportare le peggiori violazioni di diritti dell'uomo. " Nei campi di Tindouf, i diritti dell'uomo non sono protetti, si è dubbioso della pace e del benessere della popolazione che vive in condizioni chi non sono degni per gli esseri umani", ha affermato. " Queste popolazioni infatti sono private dei loro diritti di movimento, d'espressione (non c’è nessun organo d'informazione libera), sono oggetto di sanzioni arbitrarie e di scomparse forzate, di assassinio e la maggioranza dei bambini e delle donne soffrono di malnutrizione, cosa che ha provocato malattie a causa di deviazione della maggioranza degli aiuti umanitari", ha denunciato la signora Saadani Maoulainine.
Oltre a Saadani Maoulainine, la delegazione delle province del Sud che partecipa ai lavori del Consiglio dei Diritti dell'Uomo composta di: il sig. Mostafa Bouh ex membro dell'Ufficio Politico del Polisario, il sig. Sidati El Ghallaoui, ex Ambasciatore del polisario in Italia e Moulay Ahmed Mghizlate, membro del Consiglio Reale Consultivo per gli Affari Saharawi (CORCAS). (MAP).”

Anonimo ha detto...

Ritorniamo alle violazioni dei diritti dell’uomo dal Polisario ecco un’altra testimonianza/appello:
L' ATSDDH chiede Consiglio dei Diritti dell’Uomo CDU di chiarire la sorte delle persone scomparse i campi di Tindouf

Ginevra, settembre 2008 (MAP)
L' Associazione La Tribune Saharawi di Difesa dei Diritti dell'Uomo (ATSDDH), ha lanciato, da Ginevra, un appello insistente al Consiglio di Diritti dell'Uomo (CDU), per mettere la luce sulla sorte delle persone scomparse nei campi dello “polisario” a Tindouf, nel sud-ovest algerino.
In quest'appello, lanciato all'occasione della nona sessione del CDU, l'associazione " invita anche l'Alto Commissariato delle Nazioni Unite dei Diritti dell'Uomo di aprire, d'urgenza, un'indagine per levare la vela e delucidare il caso di questi spariti". " Avendo vissuti durante gli anni nei campi della vergogna a Tindouf, amministrati dai separatisti del “polisario”, armati e sostenuti dall'Algeria, siamo stati i testimoni di crimini di tortura, di sequestro e di scomparse forzate di persone che non hanno commesso di torto che di disapprovare gli orientamenti della centrale separatista", denuncia l'ATSDDH presieduta dal sig. Hanne Moussaoui.
Per permettere agli indagatori internazionali di condurre a termine le loro indagini, l'Associazione chiama " l'insieme della Comunità internazionale di intervenire presso le autorità algerine, che proteggono e finanziano i separatisti del “polisario”, per autorizzare le persone incaricate di questo dossier a rendersi negli accampamenti del “polisario”, per condurre le loro indagini", invitandoli a pensare alle famiglie di questi spariti, rimaste senza notizie dei loro da più trenta anni.
L’ATSDDH esige che i dirigenti del “polisario” responsabili dei crimini di tortura, di sequestro e di scomparse forzate siano tradotti in giustizia. (MAP).

Anonimo ha detto...

Sahara/USA: Christopher Hill, vincitore del Premio Common Ground Award, sensibilizzato per la sorte delle vittime del Polisario e il Centro Think Tank americano (FPRI) ha reso un grande omaggio alla signora Saadani Maa Al Ainine, ex deportata dai campi di Tindouf a Cuba.

Il vincitore di questa edizione del Premio Common Ground Award, il Segretario aggiunto di Stato per l'Asia orientale e il Pacifico nel Dipartimento di Stato, Christopher Hill è stato sensibilizzato, il Venerdì 14 novembre 2008, sulle violazioni dei diritti dell’Uomo commesse dal Polisario contro le popolazioni saharawi nei campi di Tindouf.
Alla cerimonia di premiazione dalla ONG "Search for Common Ground", specializzata nella mediazione, Christopher Hill, capo della delegazione statunitense ai colloqui a sei sulla questione nucleare della Corea del Nord, ha incontrato l’ex deportata dal Polisario, Signorina Saadani Maa Al Ainine che l’ha consegnato una lettera a nome delle vittime del Polisario. Lettera/appello di disperazione all'intera comunità internazionale ad agire per porre fine al calvario vissuto dai sequestrati a Tindouf.
Saadani protesta contro il presunto Premio sui diritti dell’uomo assegnato dalla Fondazione Robert F. Kennedy (RFK) Memorial per la presunta militante saharawi Aminatou Haidar. "Noi, in Marocco, esprimiamo la nostra preoccupazione per il fatto che le forze oscure del Polisario si offuscano l'immagine del RFK Memorial e di ciò che questo gran dirigente in nome della quale la Fondazione è stata creata", ha sottolineato Saadani, in cui la sua presenza alla cerimonia costituisce in sé un omaggio a questa vittima del Polisario.
L'ex deportata del Polisario era convinta, come tutti i suoi colleghi marocchini, che il Polisario strumentalizzerà fino in fondo tale Premio per portare pregiudizio, per contrapporsi ai negoziati in corso sotto l'egida dell’ONU e l'iniziativa marocchina di autonomia, qualificata come "seria e credibile" da parte delle Nazioni Unite e che gode del sostegno di diversi paesi e organizzazioni di tutto il mondo, compresi gli Stati Uniti d'America e l'Unione europea.
Secondo Saadani, Aminatou Haidar non merita il Premio per una serie di motivi, tra gli altri, il suo rifiuto di rinunciare alla violenza contro il Marocco, mantenimento di un discorso di odio e di incitamento alla violenza, e per essere silenziosa sulle violazioni dei diritti umani commesse dal Polisario e dei suoi sostenitori.
Saadani si sorprende del fatto che “la signora Haidar, una disonesta duplicata di una ipocrita e, mentre demonizza il Marocco, getta false accuse contro questo paese, continua a viaggiare con uno dei suoi più importanti simboli che è il passaporto marocchino, con il quale ha fatto il viaggio dal Marocco a Washington per ricevere il Premio ".
Il Premio Search Common Ground, fondato nel 1982, è consegnato anche ad altre personalità che si sono distinti per i loro sforzi nella risoluzione dei conflitti, della negoziazione e del dialogo.
Inoltre, Il Centro Think Tank americano Foreign Policy Research Institute (FPRI) con sede a Philadelphia (USA), ha reso, giovedì 13 novembre 2008, un grande omaggio alla signora Saadani Maa Al Ainine, ex deportata a Cuba e una delle molte vittime di atti della Polisario.
Saadani è stata l'ospite d'onore alla cena annuale del centro, durante il quale il premio di Benjamin Franklin per questo anno è stato assegnato a John R. Bolton, ex rappresentante permanente degli Stati Uniti alle Nazioni Unite ed ex Assistente Segretario di Stato per il controllo dell’armamento e della sicurezza internazionale.
Durante la cena alla quale hanno partecipato circa 500 ospiti, il Presidente del Centro Sicherman Harvey, ex consigliere di James Baker, ha tenuto un discorso, in cui ha reso omaggio a questa giovane marocchina originaria delle province del Sud, per il suo coraggio ed abnegazione e, ha lanciato un appello alla mobilitazione della comunità internazionale per la liberazione delle popolazioni sequestrate a Tindouf, nel sud-ovest algerino.
Questa cena, ha permesso agli ospiti di informarsi sul percorso di questa giovane donna vittima di abusi dei diritti dell’uomo commessi dal Polisario e dei suoi metodi di disgregazione familiare, in seguito alle deportazioni dei bambini saharawi a Cuba, in una isola chiamata “Isola della gioventù”.
Tra di loro è stata Saadani che aveva suscitato l'emozione in tutto il mondo, perché inviata con forza dal Polisario quando aveva appena 5 anni. Alcuni di questi bambini sono morti e sono stati sepolti nell’Isola della Gioventù, come testimoniano i cubani stessi: il professore universitario Jacobo Machover, Daniel Alarcón e l’ex funzionario di intelligence cubano Juan Vives, in cui il libro "El Magniffico" conferma la deportazione di bambini saharawi di bassa età da Tindouf a Cuba.
Il caso di Saadani Maa el Ainine che ha trascorso 17 anni a Cuba è ancora più drammatico, nel senso che aveva perso suo padre, morì sotto tortura, perché rifiutò che la sua figlia sia deportata.
La Signorina Saadani ha denunciato le azioni dei carnefici di suo padre, dicendo felice di vivere in Marocco "un paese democratico che ha offerto una storica chance per la stabilità e la riconciliazione tra tutti i Saharawi ".
Infine, Saadani ricorda ancora la sua partenza forzata a Cuba, dove centinaia di bambini saharawi si sono tenuti in ostaggio per impedire le loro famiglie di tornare in Marocco. “Ogni contatto con le nostre famiglie è stato troncato”, ha sottolineato. Per tutto ciò, la presenza di questa giovane vittima del Polisario alla cena annuale della FPCI ha permesso gli ospiti di conoscere l'iniziativa marocchina di autonomia nel Sahara e gli sforzi intrapresi dal Marocco per porre fine a questo conflitto superficiale, iniziativa descritta come “seria e credibile” da parte dei paesi membri del Consiglio di Sicurezza.
Fondata nel 1955, FPRI si propone di uno spazio di riflessione sulla politica nazionale e internazionale. Tra i suoi membri ex funzionari statunitensi, l'ex segretario di Stato Alexander Hague, un ex segretario della marina, stretti collaboratori e consiglieri di tre segretari di Stato, uno storico vincitore del Premio Pulitzer, un ex membro del Consiglio di Sicurezza Nazionale, nonché degli accademici e i rappresentanti di vari settori politici, economici, sociali e religiosi.