venerdì, aprile 26, 2019

6ª Edizione Curiosando Tra I Cortili ad Auzate


giovedì, aprile 25, 2019

Settimana del Quadrifoglio - Concerto AmenoBlues


Nell’ambito delle iniziative della Settimana del Quadrifoglio, Amenoblues propone un concerto gratuito il 26 aprile con Angelo Rossi, soprannominato Leadbelly, cantante e chitarrista considerato tra i principali interpreti italiani di blues.
Il suo soprannome proviene dal famoso cantante blues Huddie William Ledbetter al quale si ispira. Le sue esibizioni, principalmente in solitaria dove si accompagna con la chitarra acustica ed occasionalmente quella elettrica, il kazoo e l'armonica, sono legate alla tradizione del delta blues e sovente sono inframmezzate sia da momenti ironici che da vere e proprie citazioni sui suoi trascorsi nella terra del Mississippi.
È, in assoluto, considerato il principale interprete del blues acustico in Italia, alla fine degli anni ottanta ha collaborato a lungo con il bluesman statunitense Larry Johnson suonando spesso negli Stati Uniti. 
Ameno (Novara) – Lago d’Orta – Piemonte – Museo Tornielli – 26 Aprile Ore 17.30 – Ingresso gratuito.

mercoledì, aprile 24, 2019

Settimana del Quadrifoglio di Ameno



Anche quest’anno il borgo di Ameno, in occasione dell’inaugurazione della nuova stagione turistica, propone la “Settimana del Quadrifoglio” che, giunta alla quinta edizione, e sulla scia del successo di quelle precedenti, presenterà 5 giorni di camminate e musica all’insegna del “ben-essere”.
Da anni l’Amministrazione Comunale di Ameno ha avviato un progetto di turismo sostenibile e responsabile in questo piccolo paese, gioiello adagiato sulle colline del lago d’Orta e, nel 2014, ha lanciato il sistema di sentieri del Quadrifoglio, 4 percorsi ad anello che attraversano il territorio nel suo insieme, boschi, prati e coltivi, toccando anche le frazioni che compongono il comune (Vacciago, Lortallo, Oltre Agogna). 
Qui di seguito il programma, per gli aggiornamenti e le prenotazioni consigliamo di consultare il sito www.amenoturismo.it, la pagina facebook https://www.facebook.com/amenoturismo/ oppure di telefonare in Comune al numero 0322-998103.
Nel seguito il programma completo.

giovedì, aprile 18, 2019

Pasquetta in Blues by AmenoBlues

PASQUETTA in BLUES by AMENOBLUES
Ameno (Novara) – Lago d’Orta – Piemonte

Dave Keyes – Heggy Vezzano – Alessandro Diaferio – Pablo Leoni

Lunedì 22 Aprile - ore 17.00 - Museo Tornielli – Ingresso 10 euro (under 14 gratuito).

Amenoblues propone per Pasquetta un appuntamento con Dave Keyes, tastierista, cantante e compositore nativo di New York, veterano di 30 anni della scena musicale Blues, Roots e Americana.
Ha pubblicato cinque album molto acclamati ed è stato nominato “Best Unsigned Artist” dalla rivista Keyboard, e dalla Blues Foundation per l’annuale premio al miglior pianista Pinetop Perkins. Il suo sesto album, intitolato “The Healing”, con la partecipazione di Popa Chubby e molti altri ospiti speciali, spazia dal Boogie al Blues al Rythm & Blues con maestria e creatività.
Con lui suoneranno Heggy Vezzano alla chitarra, Alessandro Diaferio al basso e Pablo Leoni alla batteria. Heggy e Pablo sono stati per lunghi anni con Andy J Forest e con molti altri musicisti americani in tour europei. Heggy sarà sul palco nella Night of Guitars & Drums di Amenoblues Festival il prossimo 5 Luglio.
E' raro trovare dei pianisti Blues in giro e questa è l'occasione di sentire uno dei più bravi in circolazione.
Sponsor dell’evento è Ricola, produttrice di rinomate caramelle e tisane, già sponsor del Festival nel 2018, che ha rinnovato, incrementandolo, il sostegno ad Amenoblues anche per il 2019.

martedì, aprile 16, 2019

Concerto di Pasqua a Mirapuri


Si terrà Sabato 20 aprile 2019 a Mirapuri - Coiromonte il concerto di Pasqua di Michel Montecrossa e Mirakali dal titolo "‘Every Day For Future’ New-Topical, Cyberrock, Dance-Electronica, Orgastica-DJ & Cyberpoetry Concert". La scaletta è composta da canzoni Cyberrock di Michel Montecrossa e da strumentali eccitanti Orgastica-DJ (musica Elettronica) di Mirakali accompagnate da recitazioni dalle sue Cyberpoesie espressive (tipo Zen-Style).Presso l'Omnidiet Music Hall dalle ore 21 alle 23 con ingresso gratuito.

Michel Montecrossa Homepage: www.MichelMontecrossa.com

Mirakali's Homepage: www.Mirakali.net
Per maggiori informazioni:
tel: 0322-999009
email: Omnidiet@Mirapuri-Enterprises.com
www.Omnidiet-Hotel.com
Via Monte Falo 8
Mirapuri-Coiromonte - Omnidiet Music Hall
Armeno (NO)

lunedì, aprile 15, 2019

Ottavo Centenario della Nascita della Riviera di San Giulio


Recupero di radici profonde, riscoperta di un’identità comune e di una storia straordinaria. Passi fondamentali per guardare al futuro con rinnovata consapevolezza e spirito di coesione. Sono questi gli intenti che l’Ecomuseo del Lago d’Orta e Mottarone e il Rotary Club Orta San Giulio si sono prefissati nell’ideare un progetto legato al territorio del Cusio davvero unico nel suo genere.


Un logo, un piano di comunicazione e un calendario di eventi e iniziative che coinvolgano tutti i 16 comuni dell’antica Riviera d’Orta, per un percorso sulle tracce di un passato tanto eccezionale quanto dimenticato. Questo e molto altro racchiude il progetto per gli Ottocento anni dalla nascita della Riviera San Giulio che unisce da una parte l’Ente museale del Presidente Giovanni De Bernardi e del Direttore Andrea del Duca, il cui obiettivo principale è la valorizzazione e la tutela delle risorse ambientali, culturali e storico-etnografiche locali, e dall’altra il celebre sodalizio rotariano guidato dalla Presidente Engarda Giordani, che ha come missione quella di rendere un servizio sociale alla comunità, favorendo l’intreccio di incontri e relazioni. Proprio da questa unione di intenti e dal profondo amore per il territorio è nata l’idea di raccontare alla collettività una pagina importante della storia del Cusio coinvolgendo tutti i comuni della “Riviera” in questa grande operazione di ricostruzione della memoria collettiva. Un prezioso lavoro di recupero del “Dna storico”, a beneficio di tutti, in particolare delle nuove generazioni.


Pochi ormai ricordano che la Riviera di San Giulio, o Riviera d'Orta, è annoverato come uno degli esperimenti istituzionali più interessanti mai attuati in Italia. Un'entità statale autonoma nata nel 1219 ed esistita fino al 1817. Localizzabile con il bacino del Lago d'Orta, ad eccezione di Omegna e del suo territorio, comprendeva i comuni di Ameno, Armeno, Arola, Cesara, Miasino, Nonio, Orta San Giulio, Pella, Pettenasco, San Maurizio d’Opaglio (per la Riviera Superiore) e Bolzano Novarese, Gargallo, Gozzano, Pogno e Soriso (per la Riviera inferiore). Infeudata il 20 settembre 1219 al vescovo pro tempore di Novara, sotto il dominio episcopale la Riviera divenne un piccolo Stato autonomo, con proprie leggi, definite dagli Statuti. Documenti che contenevano norme innovative sui più disparati ambiti: dalla manutenzione delle strade, al controllo delle acque, alla gestione della vita sociale ed economica. Un lunghissimo capitolo che si chiude in prima battuta nel 1767 con la cessione del territorio da parte del Vescovo ai Savoia, cessione poi divenuta definitiva nel 1817.


Celebrare l’ottocentesimo anniversario non significa solo ricordare una straordinaria storia del passato – spiega il Direttore dell’Ecomuseo Andrea Del Ducama trarre ispirazione dalla capacità che i popoli del lago seppero sviluppare di cooperare per difendere il proprio territorio dalle minacce e cogliere al meglio le opportunità. Fare sistema è un concetto che attorno al lago fu sperimentato già nel Medioevo e che funzionò per secoli. Le nuove sfide della contemporaneità ci spingono a prendere spunto da questi esempi di successo”.

E se un tempo i pericoli da cui proteggersi erano guerre e invasioni, oggi i temi inderogabili sono quelli della difesa dell’ambiente, dell’economia sostenibile e dei progetti in rete per contrastare la crisi economica partendo proprio dalle peculiarità e dai punti di forza del territorio. In questo senso la recente sottoscrizione del Contratto di Lago, che ha visto non a caso in prima linea tanto l’Ecomuseo quanto il Rotary Club Orta San Giulio, rappresenta una attualizzazione di questo antico, ma mai sopito, spirito di comunità.


Lo avevamo annunciato ed è diventato una realtà – spiega Engarda Giordani, Presidente del Rotary Orta San Giulio – questo mandato rotariano sarà all'insegna della diffusione della conoscenza della storia della Riviera di San Giulio, nell’anno in cui si celebra la ricorrenza di VIII secoli dalla fondazione. Un intento che segue la mission rotariana lanciata dal presidente del Rotary International per il 2018/2019: un’esortazione a tutti i rotariani a ispirare un reale e profondo cambiamento per lasciare alle nuove generazioni un mondo migliore. Sarà un momento unico e dal forte significato che ci permetterà di riunire intorno a un progetto comune tutti i comuni rivieraschi. E a questo scopo abbiamo coinvolto tutti i nostri soci affinché possano contribuire ciascuno con le proprie competenze e professionalità affinché il progetto abbia la migliore riuscita e diffusione possibile. Noi rotariani ci impegniamo ora più che mai nella trasmissione della conoscenza del nostro magnifico lago, delle nostre origini, fieri di appartenere a questa bellissima terra”.


Il calendario di appuntamenti si aprirà con la conferenza stampa di presentazione il 12 aprile all’Isola di San Giulio alla presenza dei sindaci e dei rappresentati della comunità per poi proseguire, toccando i vari comuni, fino al prossimo mese di novembre. Momenti di approfondimento storico si alterneranno a eventi artistici e ricreativi a stretto contatto con il paesaggio, senza dimenticare proposte di animazione rivolte alle famiglie, laboratori ludici e didattici e momenti enogastronomici.


Un cammino importante, fatto in cordata da tutti i protagonisti, un viaggio di consapevolezza e costruzione dell’identità di una comunità, la cui conclusione sarà al tempo stesso traguardo e nuovo punto di partenza per affrontare le sfide future.

giovedì, aprile 11, 2019

Beppe Conti a Borgomanero


A cena con l'autore. Martedì 9 aprile lo scrittore giornalista Beppe Conti (nella foto il secondo da sinistra con il Palzola tra le mani) opinionista Rai e volto notissimo agli appassionati di ciclismo, era a Borgomanero alla Trattoria del Ciclista per presentare il suo ultimo lavoro "Fausto Coppi, il primo dei più grandi". Nel centenario della nascita del campionissimo, Conti ha proposto la sua classifica dei dieci migliori corridori al mondo. Oltre a Coppi, al primo posto, Gino Bartali al terzo, Alfredo Binda al quinto, Felice Gimondi al settimo e Marco Pantani al decimo.

mercoledì, aprile 10, 2019

Concerto a Mirapuri


Si terrà Sabato 13 aprile 2019 a Mirapuri - Coiromonte un nuovo concerto di Michel Montecrossa e Mirakali dal titolo "‘Man Of The Golden Star’ New-Topical, Cyberrock, Dance-Electronica, Orgastica-DJ & Cyberpoetry Concert". La scaletta è composta da canzoni Cyberrock di Michel Montecrossa e da strumentali eccitanti Orgastica-DJ (musica Elettronica) di Mirakali accompagnate da recitazioni dalle sue Cyberpoesie espressive (tipo Zen-Style).Presso l'Omnidiet Music Hall dalle ore 21 alle 23 con ingresso gratuito.

Michel Montecrossa Homepage: www.MichelMontecrossa.com

Mirakali's Homepage: www.Mirakali.net
Per maggiori informazioni:
tel: 0322-999009
email: Omnidiet@Mirapuri-Enterprises.com
www.Omnidiet-Hotel.com
Via Monte Falo 8
Mirapuri-Coiromonte - Omnidiet Music Hall
Armeno (NO)

martedì, aprile 09, 2019

Da Burbané


E’ stata una giornata nella quale si “glorificata” la “Borgomaneresità” con il suo massimo sacerdote: Piero Velati. Accanto a lui i nomi altisonanti dell’Assessore alla Cultura del Comune, Francesco Valsesia; del Presidente e del Direttore della “Marazza”, rispettivamente Giovanni Tinivella e Gianni Cerutti e del Presidente della Cunsurtarija dal Tapulon, Carlo Panizza. Seduto tra il pubblico lo storico Alfredo Papale.
Un alito, un respiro dal passato della “vecchia Borgomanero”, della “Burbané che non c’è più” scomparsa tra i meandri della modernità e immolata sull’altare della tecnologia. Ma Velati non si dimentica di questo passato e, ancora una volta piacevolmente, dedica un libro alla “sua” città : “Da Burbané, glossario del dialetto di Borgomanero aggiornato al 31 dicembre 2018”. Duecento pagine circa, che vanno ad aggiungersi alle opere di questo ultimo decennio, come lo Zibaldone uno e due, che tanto ricorda il diario del poeta Leopardi; le “Donne di Borgomanero”, le poesie e tanti altri ricordi come le macellerie cittadine, le osterie, gli ambulanti.
Un tuffo nel passato con ampi sguardi nel presente, evocati soprattutto dal Presidente della Fondazione Tinivella, ricordando Achille Marazza e la sua lungimiranza, ancora oggi valida carta per la cultura cittadina. “Marazza – ha detto – è stato presidente nel 1952 di quel comitato che ricordava i 500 anni della nascita del genio Leonardo da Vinci; il carteggio avuto con De Gasperis è ora inserito in un epistolario on line presentato il 5 aprile al Quirinale”. Dunque la Marazza come tempio di cultura, scenario appropriato per la presentazione del volume di Velati. Questi, iniziando la sua esposizione ha voluto ringraziare tutti, in particolar modo Anna Pastore che ha corretto le bozze del volume e, naturalmente il Comune e l’Assessorato alla Cultura, retto da Valsesia, per aver permesso la pubblicazione.
L’autore, non si è fatto attendere. Ha sciorinato tutta una serie di dati, da vero e profondo conoscitore della realtà cittadina, e vocaboli cari ai borgomaneresi del “scioppu” del ceppo. Ha letto anche poesie dei vari autori: Cattaneo, Poletti, Pastore e persino alcune terzine della Divina Commedia tradotta in dialetto. Poi le domande del pubblico, come un fiume in piena e la naturale firma del libro. Piero Velati ha da poco compiuto 88 anni. Il padre Giuseppe (1905-1982) fu il primo Sindaco della Città del CNL nel 1945, prima di lasciare il testimone a Giacomo Borgna. Il Piero ha scritto anche due opere teatrali “Burbané cal visiga ancò” e “Zipria e acqua d’udò” oltre a libri e poesie. Un testimone, per eccellenza, di una Borgomanero di ieri, ben radicata nell’oggi.

Ferruccio De Bortoli protagonista della Conviviale Interclub del Rotary


Il noto giornalista è stato il protagonista della Conviviale Interclub svoltasi la sera di martedì 2 aprile al Novara Club Unione. Una serata che ha attirato oltre 150 persone, organizzata dai Rotary Club Novara, Orta San Giulio e Valsesia, rappresentati rispettivamente dai presidenti Paolo Cattaneo, Engarda Giordani e Lorenzo Del Boca.
Una riflessione a 360 gradi sul futuro del Paese che ha visto De Bortoli esprimere un “moderato ottimismo”. Un ottimismo che trova linfa, ha precisato, guardando a realtà sociali proprio come il Rotary: “Realtà in cui constato la ricchezza e profondità del capitale sociale italiano e la straordinaria vitalità del volontariato”.
Non è mancato però un excursus su quelle criticità che il Paese deve affrontare senza ulteriori proroghe. De Bortoli, dicendosi preoccupato per l’attuale congiuntura economica viziata da un debito pubblico troppo elevato, da una drastica perdita di capacità produttiva e dal fenomeno dilagante del lavoro in nero e dell’evasione fiscale, ha voluto rivolgere ai rotariani una riflessione sul piano morale e culturale. “In un consesso come questo – ha detto - credo necessario ragionare sull’importanza di riscoprire il senso civico, il rispetto dell’altro, del bene comune, il senso di legalità, il senso dello Stato. Siamo stati vittime della pigrizia del benessere, abbiamo perso memoria della fame dei nostri genitori e nonni. E’ invece necessario avere una memoria attiva sui fatti del Novecento”.
La strada indicata da De Bortoli per una reale rinascita del Paese è quella fatta di investimenti nella formazione del capitale umano. “C’è un dato che fotografa meglio di qualsiasi altro la situazione attuale – ha poi precisato il giornalista - Che futuro può avere un Paese che paga di più il suo passato, ossia il debito pubblico, rispetto a quanto investa in formazione, cultura, scuola? Così non c’è futuro. Una società responsabile e avveduta si deve occupare di strappare le nuove generazioni a un destino già segnato. Se non riscopriamo le ragioni che tengono insieme la nostra comunità il futuro sarà difficile”.
Un monito che si lega perfettamente a quel “Siate d’ispirazione”, tema e invito lanciato dal presidente del Rotary International per il 2018/2019: un’esortazione a tutti i rotariani a ispirare un reale e profondo cambiamento per lasciare alle nuove generazioni un mondo migliore.


Auto Storiche tra le Vigne del Boca e del Gattinara


Si terrà domenica 14 aprile il primo Raduno, a scopo benefico, di auto storiche ultraventennali in movimento tra le vigne del Boca e del Gattinara. Organizzata dal Lions Club Borgomanero Host e dall’Associazione Auto e Moto Storiche “I Miserabili” con il patrocinio dell’Assessorato alla Cultura del Comune di Borgomanero, la manifestazione partirà dal piazzale Melvin Jones (adiacente a piazza Matteotti) alle 10 per dirigersi verso Maggiora, Boca, Romagnano Sesia e Gattinara. Il rientro è previsto nel pomeriggio.

giovedì, aprile 04, 2019

Medioevo in Immagini - Libri e Miniature a Bolzano Novarese


Venerdì 5 aprile, alle ore 21, Dalia Tinè, per «Terre d’Agogna», presenterà un approfondimento sull'importanza dei libri nel Medioevo.
L’iniziativa è organizzata da Terre d’Agogna, con la Pro loco e il Comune di Bolzano Novarese.

Cosa c’è di più importante di un libro? Un pezzo di carta su cui può essere scritta una sapienza infinita. Questo era il tesoro del medioevo, un tesoro accessibile a pochi. Ovviamente la scienza ha fatto passi da gigante in questi secoli e la conoscenza contenuta in questi libri potrebbe essere oggi obsoleta. Ma il corredo artistico di questi scritti è senza dubbio magnifico: capolettera miniati, disegni, decorazioni, simboli, hanno accompagnato le parole caricandole di bellezza e di significati più profondi, andando oltre il segno grafico.
Lo scrivere era un privilegio, ma anche un’arte: l’importanza di alcuni passi era sottolineata da decorazioni, la spiegazione di certi passaggi era accompagnata da miniature, la pagina stessa non doveva solo essere funzionale ma anche bella alla vista perché l’occhio vuole la sua parte.
Partendo dalla descrizione del corredo dell’amanuense, attraverso le miniature e i simbolismi per arrivare al significato del testo con la prima scrittrice e femminista Cristina da Pizzano.

Girolago 2019


L`ANELLO AZZURRO DI GIROLAGO
IL GIRO COMPLETO IN 3 TAPPE

Torna l`iniziativa che ha permesso di scoprire e riscoprire le bellezze del paesaggio del lago d`Orta. Una passeggiata in 3 tappe che conduce i camminatori alla scoperta di borghi, panorami, tradizioni. Un camminare insieme per apprezzare la bellezza della condivisione di un percorso nella natura.


DOMENICA 14 APRILE - PRIMA TAPPA: ORTA - PELLARirovo a Pella San Filiberto ore 9.00
Possibilità vi visitare la chiesa
ore 9.30 battello per Orta
Rientro a piedi lunghezza 14 km
tappe: Legro - Colle della Torre di Buccione - Lido di Gozzano - Oratorio della Madonna di Luzzara - Lagna
Rientro a lagna previsto per le ore 17.30 circa
Gratuito per bambini e ragazzi.
Adulti quota di partecipazione € 12,00 che comprende accompagnamento, visite guidate, piccoli ristori, trasporto in battello da San Filiberto a Orta.

Vi preghiamo di prenotare entro giovedì 11 /4 allo 0323.89622 oppure  all`indirizzo ecomuseo@lagodorta.net

Omegna Salute


Venerdì 5 aprile, alle ore 21, presso il Teatro Oratorio Sacro Cuore si terrà il sesto appuntamento della seconda edizione di Omegna Salute, ciclo di incontri serali gratuiti patrocinati dall’Amministrazione Comunale e messi a punto grazie alla collaborazione tra ASL VCO e il Centro Ortopedico di Quadrante della nostra città.
L’evento, intitolato: “La prevenzione e le donazioni per la qualità della vita” si focalizzerà sul punto di vista del nefrologo espresso in questo nuovo appuntamento dal Dott. Maurizio Borzumati, Direttore SOC Nefrologia.
Sarà questa l’occasione – spiega – per parlare del funzionamento dei reni soffermandosi sull’importanza di prevenire, o perlomeno, intercettare per tempo, nefropatiti rese particolarmente pericolose perché silenti, ossia asintomatiche, e tendenti  a cronicizzare”.
La serata fornirà anche l’occasione per approfondire il tema del trapianto renale preventivo che, rispetto alla dialisi, offre una qualità e una aspettativa di vita di gran lunga migliore, ma anche di fornire ai presenti i dati regionali dei pazienti affetti da insufficienza renale in trattamento conservativo.
Dopo questa prima parte volta a tratteggiare un mondo che si vorrebbe caratterizzato da sempre meno casi di pazienti in dialisi - grazie a una più efficace prevenzione e al diffondersi delle informazioni relative al trapianto di rene preventivo - sarà la volta del Dott. Danilo Centrella, Direttore SOC Urologia, focalizzare l’attenzione sull’attività di chirurgia urologica di tipo laparoscopico.
Occupandomi in prima persona di chirurgia mininvasiva e di prelievi di organo e di rene nella rete del Piemonte – spiega – parlerò della mia esperienza nel prelievo di organi da vivente accennando, anche con il supporto di filmati, alle tecniche chirurgiche in laparoscopia, ossia senza praticare ampie incisioni chirurgiche. Da qui una riflessione più ampia sull’importanza di far crescere nel nostro Paese e sul nostro territorio il numero delle donazioni di organo”.

mercoledì, aprile 03, 2019

Giardini e Fiori del Lago con il Lions Club Borgomanero Host


L’armonia di un fiore, la camelia o rosa d’Oriente, che in pochi anni, ha conquistato l’Europa, è stato l’argomento del meeting del Lions Club Borgomanero Host, nella serata di giovedì 28 marzo. Relatore d’eccezione Gianfranco Giustina, personaggio che ha ricevuto riconoscimenti a livello internazionale, quale il “nobel” dei giardinieri a Londra, da parte della Royal Horticultural Society. E’ il secondo italiano, dall’istituzione del premio nel 1830, ad essere insignito di tale riconoscimento. Giustina era affiancato da Elio Savioli, esperto nelle specie tipiche lacustri.
Il viaggio nel mondo della camelia è stato affascinante, supportato da splendidi immagini delle fioriture accompagnate da istantanee delle isole del “Lago Maggiore”, “Madre”, “Bella” e “Pescatori” di proprietà della famiglia Borromeo, delle quali Giustina è il giardiniere per eccellenza.
Il territorio dei laghi, Orta e Maggiore, è la seconda patria delle Camelie (la prima è il Giappone, da dove proviene), fiori  che amano un terreno acido, soffice. Il 30% della produzione di camelie nel distretto dei laghi è destinato all’esportazione, soprattutto in Germania.
Approdata in Europa e metà ‘800, portate dall’Oriente dai portoghesi o dagli inglesi (la disputa è ancora aperta), la camelia è stata coltivata prima nel sud Italia e successivamente all’isola Madre nel “Maggiore”.  Giustina ha poi spostato l’attenzione sulla isole, in particolare sulla “Bella” trionfo del “barocco” italiano e luogo di rappresentanza per i Borromeo. “Ogni anno – ha sottolineato – le isole hanno circa quattrocento mila visitatori, non solo esperti, ma appassionati di fiori, del microclima e della bellezza che questi luoghi emanano”. L’Isola Madre, che ospita uno splendido giardino botanico con 15 varietà di palme e 25 di glicini, ha visto la nascita della “camelia, gloria del Verbano”, uno degli esemplari più prestigiosi che meglio rappresenta il territorio.
Giustina, a conclusione della serata, ha esortato i presenti “ad abbracciare l’hobby del giardinaggio, come valore e come rimedio allo stress della quotidianità”.

Nella foto: da sinistra Piero Minazzoli, Anna Tinivella, Gianfranco Giustina, Mauro Didò, Elio Salvioli e Sergio Poletti. 

martedì, aprile 02, 2019

Appuntamenti a Borgomanero Aprile 2019

3° Raduno Vespa Omegna



Domenica 7 aprile, alle ore 9.30 in Piazza Martiri della Libertà, nei pressi dei Giardini Pubblici di Omegna, sotto lo gnomo di cartapesta gigante che è valso all’Associazione Gli Gnomi del Mastrolino la vittoria in occasione della sfilata del Carnevale Omegnese 2019, si terrà il terzo Raduno Vespa.
Organizzato a scopo benefico da Samuele Rainoldi con il patrocinio dell’Amministrazione e il supporto fattivo dell’Ufficio Comunale del Turismo, il raduno partirà intorno alle ore 11 e transiterà a Pettenasco, Orta, Gozzano, San Maurizio d’Opaglio, Pella, Cesara, Nonio, Brolo per poi tornare di nuovo al punto di partenza.
Sempre in Piazza Martiri della Libertà sarà allestito un ricco aperitivo da gustare intorno alle ore 12.30, compreso nel costo di iscrizione. Come l’anno passato, quest’ultimo resta di 10 euro + 5 euro per passeggero aggiunto.
L’intento – spiega l’organizzatore del Raduno Vespa 2019 Samuele Rainoldiè confermare i medesimi numeri dello scorso anno, quando all’evento hanno partecipato 248 vespa, per un totale di oltre 300 persone a fronte delle quali siamo riusciti a devolvere circa 2.000 euro, comprensivi del contributo comunale di 300 euro versato dagli Assessorati alle Politiche Sociali e allo Sport alla San Vincenzo De Paoli. Quest’anno, il supporto dell’Associazione qui rappresentata da Maddalena Sesiani e da Massimo Knutti ci permetterà di concretizzare lo scopo benefico del nostro evento”.
Anche in questa nuova edizione, i proventi raccolti al netto delle spese sostenute saranno devoluti a favore di Denise Cimino, che dalla nascita lotta con coraggio contro la tetraparesi spastica distonica.
Per iscrizioni, rivolgersi all’Ufficio Turistico del Comune, oppure chiamare direttamente Samuele Rainoldi al numero 348.2241980.
In caso di pioggia il Raduno Vespa sarà rimandato a domenica 14 aprile
.

lunedì, aprile 01, 2019

Svuotamento Straordinario del Lago d'Orta


Quella che è una prassi comune per molti bacini artificiali potrebbe presto coinvolgere il più romantico dei laghi italiani. Molti specchi d'acqua vengono ciclicamente svuotati per effettuare interventi di manutenzione ma per il nostro amato Cusio sarebbe una prima assoluta visto che non è mai rimasto senz'acqua da quando gli antichi ghiacciai lo scavarono.
Le Autorità, vista la straordinaria siccità degli ultimi mesi, hanno però valutato che allo stato attuale sia piuttosto semplice svuotare il lago e provvedere ad una pulizia profonda dei fondali. Quale occasione migliore per ripulire i danni fatti dalle industrie nel secolo scorso e ancora oggi dall'incuria di molti maleducati.
Lo svuotamento dovrebbe durare un paio di mesi e verrebbe effettuato nel periodo invernale.
Se vi state chiedendo che fine faranno pesci ed altri animali acquatici ovviamente è stato predisposto un piano ad hoc: il lago non sarà svuotato completamente ma, nel bacino più a nord (quello più profondo), rimarrà acqua sufficiente a garantirne la sopravvivenza.
Anche gli operatori turistici sembrano confortati dal fatto che analoghi svuotamenti richiamano moltissimi curiosi.
Staremo a vedere se questa operazione avrà veramente luogo o se si tratta di una boutade senza fondamento.
E voi cosa ne pensate? Vi piacerebbe camminare da Orta a Pella sui fondali?

Inaugurato ad Ameno il Nuovo Parco Avventura Le Pigne


É stato aperto al pubblico sabato 29 marzo l'Adventure Park Le Pigne, il nuovo parco di Ameno (NO), poche curve sopra il lago d’Orta, inserito in un bellissimo bosco di castagni, querce ed abeti. Un luogo fresco e tranquillo aperto tutto l'anno in cui rilassarsi e divertirsi insieme alla famiglia e agli amici. Qui divertimento e panorami suggestivi sono assicurati!


Con i suoi 5 percorsi il parco consente di mettersi alla prova esercitando il proprio equilibrio e provando emozioni che renderanno indimenticabile la giornata. La sensazione sarà quella di volare tra gli alberi fino a 12 metri di altezza, divertendosi tra ponti tibetani e nepalesi, liane, anelli oscillanti, travi basculanti, passerelle, barili e tyrolenne. I percorsi sono adatti a tutte le età, a partire dalla tyrolienne FUCSIA per i più piccini e dal percorso VERDE ideale per i bimbi a partire da 3-4 anni, per proseguire poi con il percorso BLU emozionante per tutti, adulti ragazzi e bambini, il percorso ROSSO per i più coraggiosi e, infine, la tyrolienne MARRONE che permette di raggiungere la piattaforma panoramica da cui si può godere di una magnifica vista a 360°.


Durante la presentazione è stato inoltre illustrato il progetto Lago d'Orta Outdoor Camp, di cui l'Adventure Park Le Pigne è capofila, che raggruppa numerose attività naturalistiche ed ecosostenibili legate alla vita all'aria aperta: orienteering, nordic walking, escursionismo, pesca a mosca, mountain bike ed E.Bike, canoa, passeggiate a cavallo e molto altro.