mercoledì, settembre 24, 2008

1° Trofeo Neve d'Autunno al Mottarone



Anche se le rigide temperature di questo Settembre potrebbero far pensare che al Mottarone abbia già nevicato i prati della montagna cusiana sono ancora verdi. Il 1° Trofeo Neve d'Autunno si svolgerà infatti sulla pista artificiale allestita quest'estate sul pendio del Baby. Si tratta di un parallelo ad eliminazione diretta organizzato dallo Sci Club Invorio.

Ecco il programma:
* Ore 14.00 Esibizione maestri Scuola Sci Mottarone
* Ore 14.30 Presentazione stagione 2008/2009
* Ore 15.00 Gara di parallelo
* Ore 17.30 Premiazione
* Ore 18.00 Musica aspettando la cena

La giornata sarà allietata dall'animazione e dalla musica di Puntoradio 96.

Girolago - Il Raggio d'Oro



Eccoci giunti all'appuntamento autunnale di Girolago che chiude la stagione. Il Raggio d'Oro: dalla Valle del Pescone alla Valle dell`Agogna è il tema di questa passeggiata che, partendo da Pettenasco percorrerà i sentieri della costa orientale del Lago d'Orta toccando Armeno, Ameno, Legro e Miasino. L'escursione si terrà Domenica 28 Settembre con partenza alle 8.30 dalla Piazza del Municipio.
Nel seguito trovate il programma dettagliato e tutte le informazioni utili.


L’edizione autunnale di Scopriamo Girolago porterà quest’anno a ripercorrere i sentieri della costa orientale del lago d’Orta.



Il Raggio d`Oro: dalla Valle del Pescone alla Valle dell`Agogna è il titolo di questa bellissima passeggiata di 18 Km dove non mancheranno i momenti di incontro con le comunità locali, a base di saluti e gustosi buffet.



Il colore del raggio è stato scelto per sottolineare la ricchezza architettonica e storica dei paesi toccati, che erano i più popolati della Riviera di San Giulio e dove, conseguentemente, fin dal Cinquecento si moltiplicarono le ville e gli edifici religiosi costruiti dalle comunità di emigrati che operavano nelle principali città d’Italia e d’Europa.



Il programma prevede il ritrovo domenica 28 settembre 2008 a Pettenasco alle 8,30 nella piazza del Municipio.



Da qui, attraverso la poco conosciuta valle del Pescone si salirà ad Armeno per visitare la bellissima chiesa parrocchiale, edificio romanico di notevole pregio architettonico e il Museo degli Alberghieri. La raccolta testimonia la vita e la storia di una schiera di lavoranti nel settore alberghiero che da Armeno e dal Cusio si sono distinti nelle cucine e alle tavole di principi, regine e gente comune.



Da Armeno si comincerà una dolce discesa attraverso un altro luogo dal fascino straordinario, la valle del torrente Agogna. Percorrendo quella che un tempo era la strada principale della Riviera di San Giulio e oggi è il percorso ideale per passeggiate a piedi, in bicicletta e a cavallo, attraverso rustiche frazioni e costeggiando maneggi e antichi mulini, si raggiungerà Ameno. La sosta nei giardini di palazzo Tornielli, edificio che oggi ospita il Municipio e un bellissimo spazio museale, consentirà di immergersi nell’atmosfera carica di storia del paese, ricchissimo di opere d’arte, chiese ed edifici storici.



La tappa successiva sarà la Fondazione Calderara, voluto dal pittore Antonio Calderara, di cui ricorre quest’anno il trentennale della morte. La Fondazione, voluta dal maestro per illustrare le tendenze e le sperimentazioni delle avanguardie artistiche del Novecento, aprirà le porte ai visitatori per mostrare i suoi tesori.



La discesa porterà i camminanti nella frazione ortese di Legro, il paese dipinto, coi suoi murales dedicati al cinema. Da qui, attraverso Miasino si giungerà nella frazione di Carcegna, per visitare la chiesa dal campanile pendente.



Il rientro, coi saluti finali, è previsto a Pettenasco verso le ore 18.00.



Tutto il percorso sarà animato da visite a luoghi di interesse, piacevoli soste per rifocillarsi e allegri benvenuti dei comuni attraversati.



Ricordiamo che è necessario:



Munirsi di pranzo al sacco, calzature e abbigliamento idoneo.



Prenotarsi telefonicamente (tel. 0323.89622) entro giovedì 25 settembre presso la segreteria dell’ecomuseo.



In alternativa è possibile:



* scaricare la scheda d’iscrizione dal sito http://www.lagodorta.net/ e inviarla all’indirizzo ecomuseo@lagodorta.net oppure via fax al n. 0323.88621;

* mandare una mail (ecomuseo@lagodorta.net) indicando nome, cognome, indirizzo, n. di telefono di tutti i partecipanti.



La segreteria è a disposizione (dal lunedì al venerdì, 9.00-13.00; 14.00-17.00) per ogni informazione sull’iniziativa e le altre possibilità di visita del territorio (tel. 0323.89622, e mail ecomuseo@lagodorta.net).



Costo € 5,00 cad. Gratuito per i bambini.

martedì, settembre 23, 2008

Un Paese a Sei Corde a Pella



Giunge al termine la rassegna chitarristica Un Paese a Sei Corde dopo averci fatto compagnia per tutta estate. Si chiude in bellezza con un nome molto importante nel panorama mondiale. Sabato 27 Settembre si esibirà presso la Chiesa di Sant'Albino a Pella Tony McManus, considerato uno dei migliori chitarristi di musica celtica al mondo.
Nel seguito troverete una scheda del musicista.

Ultimo appuntamento per Un Paese a Sei Corde, che ovviamente chiude alla grande. Sabato 27 settembre a Pella, presso la Chiesa di S. Albino si esibirà Tony McManus, che John Renbourn ha definito “Il miglior chitarrista celtico del mondo”
In poco più di dieci anni da musicista professionista Tony McManus (nato nel 1965) si è fatto conoscere in tutto il mondo come chitarrista di primo piano nella Musica Celtica. Autodidatta sin dai primi passi, prima di tutto grazie all’ascolto della collezione di dischi di famiglia, McManus abbandona gli studi intorno ai vent’anni per dedicarsi a tempo pieno alla musica. La scena delle session di Glasgow e Edinburgo fa da sfondo ai primi concerti in Scozia, mentre una registrazione di studio per la radio della BBC, frequentemente riproposta, comincerà a far girare la voce delle sue qualità.
Col convinto supporto dell’etichetta Greentrax, McManus si fa conoscere coi primi due album, quello intitolato Tony McManus del 1996, e Pourquoi Quebec del 1999, ben oltre i confini scozzesi. Ma è con la registrazione di Ceol More nel 2002 che la statura di Tony come musicista di prima classe raggiunge un nuovo e più elevato livello. Dopo aver ascoltato il suo lavoro di studio in vari album di altri artisti, la Compass Record di Nashville (USA) pubblica nell’America del Nord “Ceol More”, accolto da una critica entusiastica, che puntualizza la qualità della musica dall’inno ebraico “Shalom Aleichem” all’ingegnoso arrangiamento del brano di Charles Mingus “Goodbye Pork Pie Hat”. Nominato ‘Musicista dell’anno’ sia nei BBC Folk Awards che nei Scottish Traditonal Music awards, nel 2002 “Ceol More” viene premiato come ‘Album dell’anno per la critica’ dalla rivista Acoustic Guitar, aggiudicandosi poi il “Live Ireland Awards” anche qui come disco dell’anno.
In un tempo relativamente breve la musica di Tony è arrivata a definire un nuovo ruolo per la chitarra nella musica celtica, facendone uno dei più importanti rappresentanti di musica celtica nel mondo chitarristico, con regolari apparizioni a eventi specifici per detto strumento in contesti dove solo qualche anno fa non ci si sarebbe mai immaginati di ascoltare jigs e reels. Invitato annualmente al Chet Atkins Festival di Nashville, ha partecipato al festival chitarristico di Soave e Pescantina, in Italia; Frankston, in Australia; Issoudun, in Francia; Kirkmichael, in Scozia; Bath e Kent, in Inghilterra; Bochum e Osnabruck, in Germania. Ha poi insegnato in cinque Steve Kaufman’s Acoustic Kamps a Maryville, nel Tennessee. Di recente ha partecipato alla famosa “All Star Guitar Night” al Ryman Auditorium di Nashville, in compagnia di artisti come Steve Morse, Bryan Sutton, Muriel Anderson, Béla Fleck e Victor Wooten, capitanati dal leggendario Les Paul.
Negli ultimi anni si è dedicato pure alla produzione: lo stupefacente “Thunderstruck” di Gordon Duncan e il riflessivo “Suil air Ais” di Cathy-Ann Macphee (entrambi per la Greentrax) hanno ottenuto grandi riconoscimenti per le idee a livello di arrangiamenti e il suo sottile tocco. Ovunque venga chiamato, Tony sa portare una carica emotiva e di immaginazione che permettono agli artisti di brillare. Sul palco, in sala di registrazione o dietro un banco di regia, Tony McManus porta con sé un profondo rispetto per la musica tradizionale. Ovunque lo porti il suo viaggio, possiamo stare sicuri che si tratterà di un percorso affascinante.
Tutti gli appuntamenti, per tutto il programma della rassegna, sono a ingresso gratuito, grazie al patrocinio e al contributo della Regione Piemonte, della Provincia di Novara (Assessorato alla Cultura), dell’Unione dei Comuni del Cusio e delle Fondazioni Comunità del Novarese ONLUS e Banca Popolare di Novara per il Territorio.
Per informazioni: Lidia 328.4732653, Domenico 347.4683319, oppure visitate http://www.unpaeseaseicorde.it/, dove troverete il programma completo della manifestazione, le foto e le news degli artisti, i link ai loro siti, le immagini delle scorse edizioni e tanto altro.

domenica, settembre 21, 2008

Premio delle Arti a Natali Grunska ed al Lago d'Orta



E' stato assegnato un prestigioso riconoscimento, presso il Circolo della Stampa di Milano, all'artista ucraina residente a Origgio Natali Grunska e al Consorzio Cusio Turismo Lago d'Orta. Si tratta del Premio delle Arti, giunto alla ventunesima edizione, ottenuto per l'etichetta artistica del vino Ghemme, realizzata in occasione della Italy Women's Cup (la Coppa Uefa di calcio femminile) tenutasi lo scorso mese di giugno nel novarese.
Nel seguito pubblichiamo il comunicato stampa del Consorzio.

Milano, 19 settembre 2008

Un prestigioso riconoscimento è stato assegnato, ieri pomeriggio, all'artista ucraina Natali Grunska e al Consorzio Cusio Turismo Lago d'Orta. Un'importante giuria internazionale ha infatti premiato la giovane pittrice per l'etichetta del Ghemme docg realizzata a giugno in occasione dell'Italy Women's Cup, coppa uefa di calcio femminile disputatasi sul Lago d'Orta, in provincia di Novara. A Natali, madrina d'eccezione del Lago, è stato conferito il ventunesimo Premio delle Arti-Premio della Cultura. La giovane pittrice ucraina aveva realizzato un'etichetta artistica su richiesta del presidente del Consorzio Andrea Giacomini. “L'etichetta, apposta su un Ghemme docg delle cantine Rovellotti – racconta lo stesso Giacomini – ha fatto il giro del mondo, promuovendo l'immagine e l'ospitalità del nostro territorio. Il vino è stato donato alle atlete e alle società che lo scorso mese di giugno hanno partecipato all'Italy Women's Cup, iniziativa di grande rilievo internazionale. Un'attenta e prestigiosa giuria di critici ha deciso di premiare l'iniziativa e noi non possiamo che essere soddisfatti”. Grande soddisfazione è stata espressa ovviamente anche da Natali, premiata nella splendida cornice del Circolo della Stampa di Milano, a Palazzo Serbelloni, nel cuore della metropoli. Quella di ieri è stata la ventunesima edizione di un premio importante . “Da sempre – spiega il professor Carlo Franza, accademico e storico dell'arte, organizzatore dell'evento - una giuria eccellente premia le capacità e l'ingegno di affermati professionisti e di giovani talenti. Natali è in grado di mettere in risalto la bellezza femminile come poche altre artiste, e lo fa con forza, vivacità e sensibilità fuori dal comune. Sono felice di averle conferito questo premio”. Entusiasta anche Carlo Zoppis, coordinatore della Italy Women's Cup sul Lago d'Orta, che ha voluto omaggiare il professor Franza e la giuria dei critici con il Ghemme docg vincitore del premio. “E' un momento importante per Natali, ma anche per il nostro territorio – commenta Zoppis – iniziative come questa contribuiscono a tenere alto il nome del Lago d'Orta. Crediamo fortemente nella sinergia tra turismo, arte, cultura, sport, enogastronomia e territorio. I risultati delle nostre politiche di promozione e di valorizzazione delle eccellenze stanno arrivando. Il Lago d'Orta ormai è sotto i riflettori”. L'impegno di Natali a favore del Lago prosegue a Roma, con una mostra dedicata al Cusio allestita presso l'Anfiteatro della Cultura in Piazza del Gesù, aperta fino al 24 ottobre. In mostra quadri raffiguranti l'isola di San Giulio.

sabato, settembre 20, 2008

Girolago Ciabattone


Verrà recuperata domani, Domenica 21 Settembre, la giornata di Girolago Ciabattone prevista per domenica scorsa e rinviata a causa del maltempo.


DOMENICA 21 SETTEMBRE
OMAGGIO AL SCIUR CAGNA con i Teatri Andanti
Passeggiata teatrale che da Pella Condurrà sino ad Artò per poi ritornare a Pella in compagnia di personaggi che sembrano apparire dal elebre romanzo del Sciur Cagna.
Ritrovo ore 15.00 a Pella in Piazza della Chiesa - Partenza ore 15.30. Rientro a Pella ore 19.30
Passeggiata di 6,5 km - Quota di partecipazione euro 5,00 cad. Gratuito per i bambini.

Note di Fine Estate ad Oleggio Castello



Questa sera è in programma ad Oleggio Castello un'iniziativa voluta dall'Assessorato alla Cultura del Comune dedicata ai più giovani ed intitolata Note di fine Estate.
Si parte alle ore 17, di fronte alla sala polivalente dove sarà realizzato un laboratorio musicale per i più piccoli. Alle ore 21 andrà in scena il musical "La Piccola bottega” ad opera della compagnia teatrale MusicalBox e a seguire il concerto live del “Trio de Janeiro”.
Ospite speciale della serata sarà Francesco Spiriti che presenterà il suo ultimo singolo “Sapore di te”.
Da anni il Comune di Oleggio Castello partecipa al progetto “Piccoli ambasciatori di pace”, promosso dall’ AIB (Anti Incendi Boschivi) di Invorio, ospitando bambini dai 6 ai 12 anni provenienti dal Saharawi. La serata si propone di far conoscere le problematiche di questa sfortunata terra africana.
La popolazione Saharawi costituisce uno “stato in esilio” che vive nelle tendopoli del deserto dell’Hammada (Algeria). Si tratta di ben 150 mila le persone che vivono da rifugiati, di cui il 70% è costituito da bambini sotto i 16 anni. Nel 1965 l’Assemblea generale dell’Onu ne riconobbe il diritto all’autodeterminazione, nel 1975 invece il territorio venne spartito tra Marocco e Mauritania.
Oltre alla sensibilizzazione su questa causa anche il ricavato della giornata andrà in favore del Saharawi.
Nel seguito qualche nota biografica sugli artisti che si esibiranno.

La Compagnia Teatrale “Musical Box” nasce il 15 settembre 2006 per volontà di Matteo Riva e con sede presso l’Oratorio Parrocchiale di Borgomanero. Da allora i Musical Box portano sul nostro territorio spettacoli e rappresentazioni musicali, il tutto supportato da un laboratorio di canto, danza e recitazione. A distanza di un anno e mezzo la Compagnia vede al suo interno più di 40 elementi tra attori, cantanti, ballerini, musicisti, tecnici, costumisti e scenografi che operano volontariamente e a titolo gratuito

Il Trio De Janeiro nasce dalla voglia e dall'esigenza di proporre un repertorio ricercato, sfruttando al meglio le potenzialità acustiche di tre strumenti (chitarra, basso, batteria) senza avvalersi di distorsioni ed effetti di alcun genere. Ciò non impedisce al Trio di eseguire tutti i brani dando loro un sound decisamente d'impatto, spaziando tra più generi musicali. L'utilizzo che viene fatto delle voci mira a sostituire quelle che, nell'arrangiamento originale del brano, sono invece parti eseguite da sezioni di fiati, archi o tastiere in genere. Il Trio De Janeiro è composto da Andrea Fabiano, Lorenzo Poletti e Stefano Cerutti

Dopo gli studi di chitarra, clarinetto e pianoforte, Francesco Spiriti intuisce che la sua vera passione è il canto. Fortemente incoraggiato dalla famiglia inizia a partecipare a diversi concorsi canori ricevendo critiche fortemente favorevoli. Prosegue perciò gli studi di "canto moderno" con il maestro Paul Rosette (corista dei New Trolls, Mina, Celentano...), e grazie alle sue doti artistiche diventa corista dei "Sottotono". Con loro registra l'ultimo album "In teoria" con lo pseudonimo di Cesco, li segue in diversi tour, fino ad approdare, nel 2001 all'età di 17 anni, al "Festival di Sanremo" con il brano "Mezze verità". Rimane con loro fino alla separazione del gruppo, attualmente collabora con vari studi di registrazione a Milano e a Varese, in qualità di corista oltre a cantare nei BeFolk. Nel 2008 Francesco registra un singolo intitolato "Il sapore di te", scritto dal noto autore-produttore Massimo Luca e prodotto da "Top records".