Visualizzazione post con etichetta Antica Cunsurtarija dal Tapulon. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta Antica Cunsurtarija dal Tapulon. Mostra tutti i post

domenica, settembre 12, 2021

Grande Tapulonata dell’Antica Cunsurtarija dal Tapulon


Si è svolta alla Trattoria del Ciclista di via Rosmini  la “Grande tapulonata” dell’Antica Cunsurtarija dal Tapulon che ha significato anche la ripresa, dopo oltre un anno e mezzo di sospensione forzata, causa Covid,  dell’attività della Confraternita enogastronomica borgomanerese.
La serata conviviale si è aperta nel ricordo del Gran Cerimoniere Gigi Mercalli, recentemente scomparso. “Sino all’ultimo – ha sottolineato Carlo Panizza, Presidente della Cunsurtarija – Gigi ha dedicato alla nostra associazione tutte le sue energie. La sua è stata una presenza che ha lasciato il segno in tutti coloro che hanno avuto modo di conoscerlo e di apprezzare la sua generosità e la sua capacità organizzativa”.
Il Consiglio direttivo nelle settimane precedenti aveva eletto nuovo Cerimoniere Giuseppe De Gasperis, conosciuto in città anche come interprete di “Re Brutto ma Buono” del carnevale agognino. “Il nostro impegno futuro – ha aggiunto Panizza – sarà ora dedicato all’organizzazione del 19° compleanno della Cunsurtarija che verrà celebrato nel gennaio 2022. Ma anche quello di fare della beneficenza: durante il periodo di sosta forzata sono stati erogati contributi all’Ospedale di Borgomanero e all’Auser cittadina per sostenere l’attività del Poliambulatorio specialistico dove operano gratuitamente a favore delle fasce più deboli dellapopolazione oltre venti medici ”.
Nel corso della serata sono stati attributi alcuni diplomi di benemerenza: uno è stato consegnato a  Roberto Bernardelli che anche in veste di componente della competente Commissione Comunale ha contributo all’assegnazione al tapulone, il piatto tipico locale, della De.Co. (la denominazione comunale); l’altro attestato è stato consegnato al Comandante della Compagnia della Guardia di Finanza Francesca Dal Ponte recentemente promossa Maggiore e destinata al Nucleo di Polizia Economico Finanziaria di Venezia con l’incarico di Comandante della Sezione Spesa Pubblica. A Borgomanero verrà sostituita dal Tenente Nicola Melchiori. A portare i saluti dell’amministrazione comunale ai commensali il Sindaco Sergio Bossi, socio della Cunsurtarija.  Ospite della serata anche il produttore vinicolo Francesco Brigatti di Suno che ha illustrato i vini scelti in abbinamento ai piatti tipici locali. Non poteva certo mancare la torta dedicata all’evento realizzata per la circostanza dal maestro pasticcere Renato Visca

venerdì, aprile 02, 2021

Un Dante Borgomanerese


Nel mese  delle iniziative dedicate al settecentesimo anniversario della morte di Dante Alighieri anche la  “Cunsurtarija dal Tapulon” ha voluto rendere omaggio al sommo poeta.
Nel tardo pomeriggio di giovedì 1 aprile, in diretta sul canale facebook  della Provincia di Novara, Tiziano Godio, introdotto dall’Assessore Francesco Valsesia e da Giuseppe Degasperis della Cunsurtarija,  ha dato lettura del primo canto della “Commedia” in dialetto borgomanerese con la speciale declamazione "Del nostro Dante”. 
L’iniziativa rientrava nell’ambito del progetto provinciale denominato “La cultura non si ferma”.
Il video è sempre visibile sulla pagina facebook  della Provincia di Novara, ecco il link: https://fb.watch/4DicQ6hhja/.

lunedì, gennaio 20, 2020

17° Compleanno dell'Antica Cunsurtarija dal Tapulon


Tra gli “amici” dell’Antica Cunsurtarija dal Tapulon c’è anche Jurgen Hild, commercialista di Bad Mergentheim, località tedesca da dieci anni gemellata con Borgomanero. Jurgen dal giorno del gemellaggio ad oggi ha soggiornato nella città agognina una quarantina di volte e non ha mai perso occasione per degustare il piatto tipico locale, il tapulone. Per questo la Cunsurtarija ha voluto premiarlo con un attestato di benemerenza.
La cerimonia  si è svolta domenica mattina nella sala del consiglio di Palazzo Ferrari Ardicini, sede del Comune di Gozzano in occasione del 17° compleanno della Cunsurtarija, sempre più impegnata nella valorizzazione del territorio. A fare gli onori di casa il Sindaco Gianluca Godio e l’assessore Lorena Marietta mentre il  Comune di Borgomanero era rappresentato dall’Assessore al commercio Annalisa Beccaria. E’ toccato al presidente Carlo Panizza relazionare sull’attività svolta nel 2019. “Quello che ci siamo lasciati alle spalle – ha detto – è stato un anno ricco di soddisfazioni. Oltre all’intitolazione dello stadio comunale di Borgomanero al nostro primo presidente Nino Margaroli, a dicembre il Consiglio comunale con voto unanime ha approvato il regolamento per attribuire al tapulone, la Denominazione Comunale (De.Co.)”.


Panizza con i suoi più stretti collaboratori, il Gran Cerimoniere Gigi Mercalli, la segretaria Franca Gattoni, Giuseppe De Gasperis, Daniele Godio, Gianni Zaninetti, Mauro Borzini e gli altri componenti del direttivo hanno quindi accolto i rappresentanti di undici Confraternite eno gastronomiche piemontesi, lombarde e liguri. Dopo lo scambio dei doni (con i prodotti del territorio Fontaneto e Palzola) ha fatto seguito la visita guidata al palazzo comunale. Poi il trasferimento al ristorante “Tre Stelle” di Briga Novarese per il raduno conviviale (ottimo pranzo e fantastico tapulone) che si è aperto con la presentazione dell’inno della Cunsurtarija, “La balada di mazzasnitti” scritto nel dialetto brighese dal parroco della frazione di Santa Croce don Giancarlo Moroso, tradotto in borgomanerese da Carlo Panizza, musicato da Piercarlo Barcellini e Cristina Ferrari e cantato da Pierangelo Pastore.
A seguire l’intronizzazione di cinque nuovi soci: Floriano Barcellini, Andrea Cane, Diego Signini, Daniela Vianzone e Giancarlo Valenzani che prima di indossare il collare hanno dovuto pronunciare, dopo un assaggio di tapulone e vino delle colline novaresi il motto della Cunsurtarija “Fa dal ben e lassa zì”, fa del bene e lascia che gli altri dicano. Motto suggerito nel 2003 da uno dei padri fondatori, il compianto architetto Piermario Pettinaroli ricordato domenica assieme ad un altro socio recentemente scomparso, Franco Marcodini, presidente dell’associazione di auto storiche “I Miserabili”. C’è stato anche uno spazio dedicato alla storia locale con l’intervento dello storico Alfredo Papale, socio fondatore della Cunsurtarija.

Nelle foto:
I cinque nuovi intronizzati
Il direttivo della Cunsurtarja con la torta del compleanno

sabato, maggio 18, 2019

Cena di Primavera della Cunsurtarija dal Tapulon


Uno degli eventi che caratterizzano l’annata della Antica Cunsurtarija dal Tapulon, è la “Cena di Primavera”. Come vuole una tradizione bel consolidata, anche quest’anno la Cunsurtarija ha rispettato il calendario: mercoledì 15 maggio, la baita degli Alpini in via Caduti nei lager a Borgomanero, ha ospitato il simposio primaverile. Ovviamente il “Tapulone” è stato il piatto sovrano della serata al quale si sono affiancate due novità, in perfetto stile del sodalizio: la consegna del “collare” di appartenenza a un nuovo socio onorario sul quale è inciso il motto dell’associazione “Fa dal ben e lassa zì” (fa del bene e lascia che gli altri parlino) e la solidarietà.


Don Giancarlo Moroso, 77 anni, ex insegnante di religione, appassionato di lingue slave  e parroco di Santa Croce di Borgomanero dal primo ottobre 1986 (era stato ordinato sacerdote il 18 giugno 1966) è il nuovo socio onorario. Don Giancarlo ha redatto, in dialetto brighese, poi corretto dal Presidente Carlo Panizza in borgomanerese, l’inno della Cunsurtarija “la balada di mazzasnitti” cantato poi coralmente da tutti i presenti.
Per la pagina della solidarietà, una costante dell’Associazione borgomanerese, è stato donato un assegno di mille euro all’Auser cittadina, per la creazione di un ambulatorio dentistico. E’ stato ritirato dal dottor Sergio Cavallaro. L’Auser borgomanerese ha sede in piazza XXV aprile e, al suo interno, ospita un ambulatorio, pluripremiato e plurimenzionato in tutta Italia, per persone in stato di necessità. La struttura è dedicata al compianto dottor Piero Sacchi. “La Cunsurtarija – ha detto il dottor Sergio Cavallaroha il diritto di essere annoverata tra i Soci dell’ambulatorio, visto il suo costante sostegno”.


La serata ha avuto come ospiti il tenente dei Carabinieri Luca Bianchi Fossati e il Comandante della locale Compagnia della Guardia di Finanza capitano Francesca Dal Ponte.


Nelle foto:
Un momento della consegna del collare con il Presidente Carlo Panizza, il cerimoniere Gigi Mercalli e la segretaria Franca Gattoni: don Moroso è al centro.
Sergio Cavallaro ritira l’Assegno per l’ambulatorio dentistico.  

mercoledì, gennaio 23, 2019

Sedicesimo Compleanno dell'Antica Cunsurtarija dal Tapulon


Sono sei i nuovi soci, o meglio i nuovi “discepoli” dell’Antica Cunsurtarija dal Tapulon che domenica 20 gennaio ha festeggiato il 16° compleanno: l’avvocato Andrea Zonca, per  dieci anni, dal 2008 al 2018 Sindaco di Gattico; Andrea Fornara, amministratore della “Alpi Rubinetterie”; l’avvocato Marco Milan; Mario Bagaini e i figli Massimiliano e Marco, proprietari e gestori del negozio Home flower & design “I fiori di Bruna” di Gattico.
La loro intronizzazione è avvenuta nel corso della riunione conviviale che si è tenuta al ristorante “Tre Stelle” di Briga Novarese alla presenza di oltre 140 commensali tra cui i rappresentanti di 13 Confraternite enogastronomiche piemontesi, lombarde e liguri (Confraternita dei Bruscitti di Busto Arsizio, “Mesc-ciua” di Lerici in provincia di La Spezia, Accademia della Fricia, Cavalieri d’Orval Bierre Trappiste,  Cotechino magro, Cui dal lundas,  Confraternita del Vino e della panissa, della nocciola di Cortemilia, Vino, riso e gorgonzola di Novara, Maestri Coppieri di Aleramo, Confraternita del gorgonzola di Cameri, Accademia della costina di Coarezza e gli Amici Ossola Enogastronomica).


La cerimonia è stata preceduta al mattino dal raduno che si è tenuto alle 10,30 nella sala polivalente del Comune di Cureggio. Ad aprire i lavori il Presidente “Primus Comes” della Cunsurtarija Carlo Panizza che nel suo intervento dopo aver ringraziato i componenti del Consiglio direttivo (il  Gran Cerimoniere Gigi Mercalli, Franca Gattoni, Daniele Godio, Giuseppe De Gasperis, Tiziano Godio, Mauro Borzini, Gianni Zaninetti, Alfredo Papale, Gianni Fioramonti, Massimo Zanetta e Giorgio Margaroli) e gli sponsor (Caseificio Palzola di Cavallirio, Biscottificio Rossi di Romagnano Sesia e Raviolificio Fontaneto) ha illustrato il programma per il 2019 che, ha detto “dovrebbe concretizzarsi con l’intitolazione dello stadio Comunale di Borgomanero a Nino Margaroli, primo presidente della Cunsurtarija e l’istituzione da parte del Consiglio comunale del registro “De.Co.” per permettere alla Cunsurtarija di chiedere che il tapulone, piatto tipico della città possa fregiarsi della De.Co. cioè della denominazione comunale”. Ampie assicurazioni in questo senso sono arrivate dall’Assessore allo Sport e alla Cultura Francesco Valsesia mentre il “padrone di casa” Angelo Barbaglia, Sindaco di Cureggio ha portato il saluto ai presenti a nome degli amministratori locali.
E’ toccato a Piero Velati, poeta, commediografo e studioso della storia borgomanerese intrattenere la platea parlando del tapulone, dalle origini ai giorni nostri. E’ seguita la visita all’antico Battistero guidata da Gianni Zaninetti. Nel corso del pranzo è invece intervenuto lo storico per eccellenza, Alfredo Papale, socio fondatore della Cunsurtarija che in concomitanza con la festa di Sant’Antonio abate, patrono degli animali ha parlato del maiale  che in passato veniva ucciso proprio in questo periodo dell’anno, e di quanto di buono viene ricavato dalla sua macellazione.



Nelle foto i partecipanti alla riunione

lunedì, gennaio 14, 2019

16° Compleanno dell'Antica Cunsurtarija dal Tapulon


“Intronizzazione” di nuovi soci, visita al battistero di Cureggio. Sono queste le note importanti del sedicesimo compleanno dell’Antica Cunsurtarija dal Tapulon, presieduta dal giornalista Carlo Panizza. La data scelta per festeggiare l’anniversario è quella di  domenica 20 gennaio
Il programma prevede il ritrovo alle 10 nella sala polivalente del Comune di Cureggio in via Rossini, dove il primo “Comes” e i Sindaci di Cureggio Angelo Barbaglia e di Borgomanero Sergio Bossi unitamente al Presidente della FICE (Federazione Italiana Confraternite Enogastronomiche) Marco Porzio rivolgeranno i saluti ai presenti.
Seguirà lo scambio dei doni tra le varie Confraternite intervenute, la visita all’antico battistero e la foto di gruppo.
Il trasferimento al ristorante “Tre Stelle” di Briga Novarese, vedrà l’intronizzazione dei nuovi soci. Concluderà la giornata il pranzo conviviale.

domenica, novembre 26, 2017

Antica Cunsurtarija dal Tapulon a Borgomanero


La poesia parla sempre al cuore delle persone. Se poi è “dialettale” scava a fondo nell’animo della gente del posto. E’ stato così anche nella serata di martedì 21 novembre alla Trattoria del Ciclista a Borgomanero. Organizzata, nel solco della tradizione dalla Cunsurtarija dal tapulon, “Un grampascin ‘d sunotti” (letteralmente una manciata di sonetti) ha visto “sfilare” un parterre di poeti dialettali tesi alla riscoperta delle proprie origini linguistiche.
La manifestazione, come ha sottolineato il presidente della Cunsurtarija Carlo Panizza, era dedicata a Piermario Pettinaroli e Nino Margaroli, due fondatori del sodalizio e cultori della borgomaneresità. Al ricordo dei due “saggi”  si sono aggiunti i versi di altri compositori del “scioppu” quali Francesco Cattaneo, Pippo Preti, Battista Poletti, Camillo Vecchi, Giuseppe Bacchetta e Gianni Colombo, il cantore per eccellenza di Borgomanero. 
Altri borgomaneresi hanno raccolto il testimone: Piero velati, Damiana Boriolo. Accanto ai loro versi, si sono aggiunti quelli di Attilio Antonioli, Edgardo Valini e Angela Vinzia di Gozzano, Claudio Brandoni e Lucia Rina Valazza di Romagnano Sesia: Gianni Zaninetti di Cureggio e Alberto gavinelli di Novara. 
La loro testimonianza è stata una riaffermazione all’unisono che il dialetto è ben lungi dal morire, ma è ben vivo e presente.
Ad assistere alla serata il Sindaco Sergio Bossi, l’Assessore Francesco Valsesia e i neo presidenti della Fondazione Marazza, Giovanni Tinivella e della pro loco Stefania Zoppis. 
Significativa è stato l’intervento del Sindaco Bossi  che ha sottolineato << sentire parlare in dialetto è la parte più bella della nostra storia >>. 
Al termine della serata l’omaggio ai poeti, targato Palzola, Fontaneto e biscottificio Rossi.

Nella Foto i poeti dialettali con il Sindaco Bossi (quarto da destra), Sergio Poeltti (sesto da destra)  e il Presidente Panizza (ottavo da destra)