giovedì, ottobre 31, 2019

Halloween 2019 ad Invorio


sabato, ottobre 26, 2019

Mercato Medievale a Gozzano


Camminata del Pellegrino a Gozzano


Sagra della Zucca e dei Sapori d'Autunno ad Omegna


Si è aperta ieri la tre giorni dedicata a una manifestazione che è ormai giunta alla sua 16esima edizione.
Inaugurazione alle ore 16 di “Dialoghi”, mostra di pittura di Milva Zanetta e di Paolo Barbieri presso la Stanza sulla Nigoglia, la 16esima edizione della Sagra della Zucca e dei Sapori d’Autunno.
La tre giorni di festa entrerà, però, nel vivo da oggi, sabato 26 ottobre, quando, dalle ore 9 alle ore 19 l’intera Piazza Martiri e il Lungolago Gramsci verranno pacificamente invasi da stand di prodotti enogastronomici d’eccellenza e dalle prelibatezze preparate dall’Associazione Pro Loco di Omegna, che ha organizzato l’evento con il patrocinio del Comune e il plauso di UNPLI VCO.
Alla sagra non potevano, naturalmente, mancare gli Alpini della Sezione Omegna Centro che, presso il Monumento ai Caduti in zona Via Garibaldi prepareranno con dovizia la più classica delle castagnate accompagnate dal vin brulè. Accanto a loro ci saranno le mamme e le maestre dell’Asilo “Elisa Beltrami” di Cireggio, intente a proporre squisite fette di torta vendute a favore della storica struttura di Cireggio.

Sempre sabato pomeriggio, dalle ore 15, tra Piazza XXIV Aprile e Piazza Martiri, l’Area Nazionale dell’UISP intratterrà quanti lo vorranno con i giochi di una volta, mentre non mancherà per tutta la durata della manifestazione un gradito intrattenimento musicale.
Domenica 27 ottobre si replica con la possibilità, nel pomeriggio, di godere di una mega risottata preparata nella Nigogliotta e delle intramontabili frittelle di zucca!

Andrea Gianesella Ospite del Lions Club Borgomanero Host



Vorrei condividere con voi la mia passione, il mio stile di vita, e il beneficio dello sport nella vita quotidiana”. Inizia così il suo intervento, Andrea Gianesella, istruttore di fitness e appassionato di sport, al quarto meeting dell’annata sociale 2019-20 del Lions Club Borgomanero Host nella serata di giovedì 24 ottobre.

“Innamorato” della sua professione di istruttore sportivo, ha catalogato un palmares di specializzazioni infinite in questo campo, Gianesella ha elencato una serie di negatività nei confronti della sedentarietà. Ha illustrato che il 60% degli italiani rimane per 9,3 ore al giorno seduta, 7 ore delle quali davanti a uno schermo. Secondo l’esperto, questo porta a rischi come l’ictus, diabete, ipertensione e osteoporosi con un incremento di malattie che sono il 9% delle cause di decesso. L’attività fisica riduce drasticamente le percentuali “sedentarie” e introduce una aspettativa di vita di cinque anni in più. Il movimento minimo settimanale è stato quantificato in 150 minuti, 30 minuti al giorno. Lo specialista ha poi parlato della palestra come luogo della “Comunity” dove si entra per stare bene, dimagrire, ma anche incontrare altre persone. “Stare bene – ha evidenziato Gianesella – significa anche essere più produttivo nella vita di tutti i giorni”. Gloria Frattini, titolare del Fitness Club “Freedom”, nel ringraziare i presenti,  ha sottolineato la “bellezza” di una mente sana in un corpo sano.



Nella foto il presidente del Lions Club Borgomanero Host Piero Minazzoli, primo da sinistra con i relatori.

Giornata di Pulizia a San Maurizio d'Opaglio


giovedì, ottobre 24, 2019

L’Accademia dei Folli in Un Altro Sogno di una Notte di Mezza Estate


L’Accademia dei Folli mette in scena Un altro sogno di una notte di mezza estate, spettacolo liberamente ispirato alla celebre opera di Shakespeare. L’appuntamento è sabato 26 ottobre, alle 21, a Castelletto Ticino.
Una improbabile e raffazzonata compagnia teatrale deve mettere in scena il celebre testo shakespeariano: deve lottare contro il tempo, le scarse risorse, la propria inettitudine, le paure, le delusioni. Ne nasce uno spettacolo decisamente comico e allo stesso tempo pieno di tenera poesia. Con questa pièce l’Accademia dei Folli rende omaggio al teatro, a quel mondo evanescente e provvisorio perennemente in equilibrio tra l'essere e il non essere.
La magia che permea la commedia si trasforma in qualcosa di ancora più misterioso e impalpabile; quella sottilissima parete che divide la realtà e la finzione si fa invisibile permettendoci fugaci passaggi tra un mondo e l'altro.
Della celebre commedia shakespeariana ad affascinarci sono soprattutto i comici con le loro improbabili e cialtronesche incursioni. I loro intermezzi, pensati per “alleggerire” e intervallare le scene (come in un protocabaret, la barzelletta tra il numero di magia e la chanteause) diventano qui ossatura in un raffinato e divertito gioco metateatrale.
Lo spettacolo realizza il negativo del Sogno, un dolce perdersi e indugiare sui personaggi secondari, in una rappresentazione dentro la rappresentazione. Qual è il sogno, dunque – ci si interroga? Chi sta sognando? E chi è sognato?
Che fine hanno fatto Puck, Oberon, Titania?
Sono sempre lì, dentro i nostri pensieri a pensare a noi, con tutta la magia e la grazia, burloni e irriverenti come sempre, in attesa di nuovo pubblico e di nuovi attori.


Un altro sogno di una notte di mezza estate
26 ottobre 2019
Castelletto Ticino
Sala Calletti – Via Gramsci 2
ore 21
Ingresso libero
Accademia dei  Folli

Liberamente tratto da William Shakespeare

con
Enrico Dusio  | Giovanna Rossi |Gianluca Gambino | Valter Schiavone | Carlo Roncaglia | Cristina Renda | Luca Di Biase

testo: Emiliano Poddi, Carlo Roncaglia
scene e costumi: Carola Fenocchio
musiche: Carlo Roncaglia
luci e fonica: Andrea Cauduro, Seima Dusio
regia: Carlo Roncaglia

venerdì, ottobre 18, 2019

Laghi e Monti Today della Settimana



Come tutte le settimane il Distretto Turistico dei Laghi ha pubblicato il suo settimanale Today con gli appuntamenti del weekend.
Potete visionare la pubblicazione nel riquadro in alto oppure scaricarlo a questo indirizzo.

giovedì, ottobre 10, 2019

Puliamo il Mondo


Torna l’iniziativa “Puliamo il mondo”. Quest'anno nell'ambito di una collaborazione di area vasta, grazie all'adesione al progetto "Contratto di Lago per il Cusio", coordinato da Ecomuseo Cusius, i Comuni di Borgomanero, Briga Novarese, Gargallo e Gozzano, effettueranno contemporaneamente una raccolta straordinaria di rifiuti lungo la cosiddetta "strada del rubinetto", direttrice che unisce i comuni coinvolti e che va verso il lago d'Orta.
Domenica 13 ottobre, ritrovo alle 9.30 presso il piazzale dell’Ipercoop a Borgomanero, ci si incontrerà per replicare l’iniziativa del giugno scorso, quando Associazioni ambientaliste e volontari avevano ripulito i bordi della provinciale che collega Santa Cristina a Bogogno.
Si raccomanda un abbigliamento adeguato.
L'iniziativa è aperta a tutti.

Foto: i partecipanti all’iniziativa a Santa Cristina, nel giugno scorso.

mercoledì, ottobre 09, 2019

Mostra "I Costumi delle Nostre Valli e i Ricami di Tradizione" ad Omegna


Si inaugura questa sera alle ore 18, presso la Sala Carrobbio in Via Manfredi 17, la mostra organizzata all’interno della manifestazione “Vivere il presente conoscendo il passato”
Fervono gli ultimi preparativi per l’inaugurazione della mostra con la quale si apre ufficialmente la cinque giorni di eventi intitolata: “Vivere il presente conoscendo il passato”.
Organizzata dall’Associazione di ricamo La Bottega sulle nuvole di Gilda e patrocinata dal Comune di Omegna e dal Comune di Valstrona, la manifestazione di scena nella nostra Città fino a domenica 19 ottobre si apre con “I costumi delle nostre valli e i ricami di tradizione”, mostra in cui troveranno posto i costumi di ben sette territori e i ricami eseguiti dai piccoli studenti delle scuole partecipanti.
All’inaugurazione, che avverrà alle ore 18, presso la Sala Carrobbio di Via Manfredi 17, seguirà un piccolo rinfresco.
Gli orari della mostra saranno:
GIO – VEN – SAB dalle ore 10-18
DOM 10-13 – 14.30-16

lunedì, ottobre 07, 2019

A Borgomanero Fervono i Lavori per la Realizzazione del Sottopasso


“I lavori proseguono come da cronoprogramma; quanto prima inizieranno le attività per la realizzazione del manufatto del tunnel, che permetterà di bipassare le linee ferroviera rie della Novara-Domodossola e quella dismessa della Santhià-Arona”. Il Sindaco di Borgomanero Sergio Bossi si esprime con queste parole mentre proseguono alacremente i lavori del sottopasso che collegherà via Arona e via Fratelli Maioni, dopo lo smantellamento  di uno dei fabbricati industriali storici della città, che ha ospitato prima la Omcsa e poi le Rubinetterie Giustina.


Il Comune aveva acquisito lo stabile una ventina di anni or sono. Il mese scorso era stata completata, da parte degli artificieri dell’Esercito, la bonifica dell’area. Più avanti, un secondo sottopasso collegherà via Verdi a via Monsignor Cavigioli e sarà realizzato nella frazione San Marco. La realizzazione di queste due opere consentirà la chiusura dei passaggi a livello che rappresentano una vera e propria strozzatura al traffico cittadino e un impedimento ai mezzi di soccorso.




mercoledì, ottobre 02, 2019

Dieci Anni di Corto e Fieno, Festival Internazionale del Cinema Rurale


Corto e Fieno è un festival del cinema. Ma un festival che guarda a un particolare tipo di cinema, quello rurale, che racconta il mondo contadino e la vita in campagna.
Nato nel 2010 da un’idea dell’Associazione Culturale Asilo Bianco, Corto e Fieno arriva quest’anno alla sua decima edizione, sempre sul lago d’Orta, in Piemonte, tra le province di Verbania e Novara. Le proiezioni sono su più sedi e itineranti tra i tre comuni del festival: Ameno, Miasino e Omegna. La sala cinematografica dello storico e magnifico Cinema Teatro Sociale di Omegna, gestita dai volontari della Società Operaia di Mutuo Soccorso, si affianca alle proiezioni in luoghi di grande suggestione storico-artistica ma anche di tradizione contadina: la cinquecentesca Villa Nigra a Miasino, le sale del Museo Tornielli di Ameno, antico granaio, e il Caseificio Baragiooj di Ameno che ospita il pubblico nella sua stalla, tra balle di fieno, animali e prodotti agricoli.
La decima edizione di Corto e Fieno – Festival del cinema rurale è in programma il 4, 5 e 6 ottobre ed è curata da Paola Fornara e Davide Vanotti, direttori artistici della rassegna.
Tutte le proiezioni del festival sono a ingresso libero (fino a esaurimento posti disponibili) e i film in lingua originale sono sottotitolati in italiano.
Le sezioni in concorso sono due: Frutteto, con 26 cortometraggi selezionati che arrivano da tutto il mondo, e Germogli, la selezione dedicata ai più giovani (e non solo) con 14 animazioni in competizione. Anche quest’anno Corto e Fieno mantiene il suo piccolo record con 14 prime visioni italiane e 21 prime visioni piemontesi, a cui si aggiunge una prima europea.

Borgomanero Piange la Scomparsa di Mons. Enrico Masseroni


Borgomanero  piange la scomparsa di Mons. Enrico Masseroni, Vescovo emerito di Vercelli e nativo di San Marco di Borgomanero. E’ stato un punto di riferimento importante sia per i credenti e per quanti sono quotidianamente impegnati a favore della pace e nel servizio ai più deboli. La sua figura ha saputo e continuerà ad ispirare molti”.
Con queste parole Sergio Bossi, Sindaco di Borgomanero, ha voluto esprimere il cordoglio della  Giunta, dell’Amministrazione Comunale e della Città alla famiglia,  alla notizia della morte di Mons. Enrico Masseroni avvenuta questa notte nella casa di cura Mons. Luigi Novarese a Moncrivello.
Monsignor Masseroni – ha ricordato il primo cittadino – ha amato particolarmente Borgomanero, non solo perché apparteneva a una famiglia storica,  ma soprattutto  perché  la considerava un luogo in cui ritrovare gli affetti di sempre”.
Monsignor Masseroni era nato a Borgomanero il 20 febbraio 1939 e nel 1963 fu ordinato sacerdote. Nel 1987  Giovanni Paolo II lo nominò Vescovo e nel 1996 assunse l’incarico di arcivescovo di Vercelli.
I funerali saranno celebrati giovedì 3 ottobre alle 10 in cattedrale a Vercelli.

Appuntamenti a Borgomanero Ottobre 2019